galetti-vintage-logo2

Il marchio Galetti nasce a Milano nel 1920 da una famiglia di imprenditori che decidono di utilizzare il cognome del famoso ciclista di epoca eroica Carlo Galetti,vincitore di 3 Giri d’Italia per la produzione di velocipedi.

Non si hanno molte notizie della produzione che evidentemente era molto limitata negli anni ’20 e ’30 dello scorso secolo,ma si è sicuri del fatto che le biciclette a catalogo erano pressochè 2,da passeggio,nella versione femminile e maschile.

L’attività continua fino alla seconda grande guerra,dopodichè,come molte altre piccole realtà chiuse.

Si hanno notizie certe e documentate che le biciclette Galetti ritornano sul mercato italiano in occasione della ventiquattresima edizione dell’EICMA di Milano. In questa edizione vengono proposti modelli da passeggio uomo,donna,2 sportive ed una versione da corsa equipaggiata con cambio Campagnolo Corsa a due leve.

Il 1952 il marchio viene acquisito dalla famiglia Alessi di Rossano V.to,la quale seguendo sempre lo stile elegante che ha sempre caratterizzato le biciclette Galetti continua la produzione di tali ampliandone la clientela.

Nel 1973 la famiglia Alessi riceve la medaglia d’oro per ”la graziella più elegante”.

Il marchio resta di proprietà della famiglia Alessi fino al 2001 quando viene venduto alla società Cicli Galetti srl.

A quasi cento anni di presenza sul mercato la Galetti si affaccia alla clientela con prodotti replica di modelli anni ’50 e ’60 che il marchio produceva.

Modelli totalmente pensati e costruiti artigianalmente in Italia come si produceva un tempo,con l’uso di acciaio Columbus e componenti di altissima qualità.